mercoledì 1 febbraio 2017

BLOG TOUR "DEMELZA" - L'ALBERO GENEALOGICO DEI POLDARK




Buongiorno lettori, siamo arrivati alla penultima tappa di questo bellissimo Blog Tour dedicato a "Demelza", il secondo volume della Saga dei Poldark di Wiston Graham, in libreria dal 2 febbraio!

Per quanti di voi non conoscano né l'autore né il libri, si tratta di una saga familiare di ben 12 volumi che racconta la storia della famiglia Poldark, è ambientata in Cornovaglia  a partire dagli ultimi decenni del '700.

E' una saga che ha il grande pregio di avere personaggi indimenticabili e di trattare così tanti temi da renderla appetibile per un grande pubblico.

Se delle tematiche della saga parleremo domani sul blog Bookish Advisor, oggi vediamo di fare la conoscenza di questa grande famiglia!

Per rendere il tutto più immediato, ho preparato per voi lo schema rappresentate l'albero genealogico della famiglia:




Se non conosciamo il capostipite della famiglia, Charles Vivian Raffe Poldark, nè la sua consorte, abbiamo la fortuna di aver "conosciuto" la zia Agatha!

Alzi la mano chi di voi adora questa vecchietta arguta, spiritosa ed impertinente!

E' il membro vivente della famiglia più anziano, e credo che questa sua posizione le conferisca il diritto di dire la sua senza filtri. Certo, ogni tanto ci chiediamo se non abbia qualche rotella fuori posto, ma in fondo è la (pro)zia che tutti noi vorremmo avere, se non altro per movimentare le cene in famiglia!


Claude Henry, suo fratello, è già deceduto all'inizio della storia ma l'autore ci presenta subito due dei suoi tre figli: Charles William e Joshua.

Joshua Poldark  viene subito descritto come un uomo cinico, ma non ho potuto fare a meno di apprezzare il suo desiderio, quando capisce di essere vicino alla morte, di poter in qualche modo assicurare un futuro solido per il figlio.
Sappiamo che ha avuto una gioventù caratterizzata da una grande fortuna sia in amore, con la moglie Grace, sia per quanto riguarda gli affari. Sfortunatamente, tutto inizia a crollare con la perdita di Grace e credo che questo abbia segnato metà della sua vita.

Proseguiamo lungo questo ramo della famiglia per presentarvi il protagonista del primo romanzo della saga: Ross Poldark!
Un giovane uomo dal passato caratterizzato da qualche bravata, che lo ha costretto a partire come soldato per la guerra in America, Ross fa ritorno con il titolo di Capitano, corredato da una cicatrice sul volto e una gamba in via di guarigione.
Si capisce subito che si tratta di un personaggio dalla volontà forte e con un grande carattere, due tratti che lo aiutano ad affrontare la notizia che lo aspetta al ritorno da oltreoceano.
A tenere impegnata la sua mente, distogliendola dal pensiero di quella che considerava ancora la sua promessa sposa, c'è Nampara, la casa di famiglia che ha bisogno di tutto il suo impegno per essere rimessa in sesto.

Ma il destino, si sa, ha sempre in serbo sorprese ed è così che Ross finisce per salvare da una rissa una ragazzina pelle ed ossa, sporca e vestita da maschiaccio, che con il passare del tempo finisce per considerare Nampara e Ross la sua casa: Demelza Carne.
Trovo che il suo sia il personaggio che ha subìto finora il più grande cambiamento: da ragazzina diventa una domestica, per poi conquistare il cuore di Ross e diventare sua moglie e una signora come quelle che lei ammira da lontano, senza sperare un giorno di diventare come loro.
É leale, forte ed indipendente, e se crede che una causa meriti di essere perseguita allora state pur certi che ce la metterà tutta! 
Credo di non sbagliare nell'affermare che tutte vorremmo essere come lei!


Ora cambiamo ramo della famiglia e passiamo a Charles William Poldark!
Fratello di Joshua, ha sempre avuto con quest'ultimo un rapporto turbolento che tenta all'ultimo di rettificare, senza riuscirci. In fondo, i due fratelli sembrano quasi estranei...
Charles rappresenta tutto quello che Joshua non è riuscito ad essere: è benestante, i suoi affari vanno bene, vive in una casa splendida, Trenwith, e ha due figli dalla buona reputazione.
Non so, ma a me lui non è mai piaciuto, così come non sono mai riuscita ad apprezzare suo figlio Francis.
D'accordo, d'accordo, forse mi sono fatta da subito condizionare dal fatto che il suo tempismo faccia schifo (pardon!), ma non gli perdonerò mai di aver fatto, seppur involontariamente, del male a Ross sposando Elizabeth. Inoltre trovo che si senti superiore a tutto e a tutti, perciò direi che non è tra i miei personaggi preferiti.

Anche Elizabeth, ex promessa sposa di Ross, non gode dei miei favori: capisco che eri giovane, capisco che tutti davano Ross per morto, ma davvero avevi così tanta fretta di sposare suo cugino?!?!
Il suo atteggiamento poi, il giorno del suo matrimonio, non me l'ha resa affatto simpatica, sembrava quasi stesse incolpando Ross delle sue decisioni.
Be', spero di potermi ricredere su di lei nei prossimi volumi e che magari suo figlio, Geoffrey Charles venga su meglio dei genitori...

Un altro dei miei personaggi preferiti è Verity
Credo sia il personaggio che tutti gli altri sottovalutano, credendola debole e priva di spirito d'iniziativa, ma dimostra la propria forza d'animo ogni qualvolta trova una causa nella quale crede.
In questo la trovo molto simile a Ross e per questo tra i due vi è un legame d'amicizia molto stretto. Verity è l'unica che dimostra nei fatti di volergli essere vicino e sono felice che sia in lui che in Demelza abbia trovato dei veri amici.
E' una ragazza dolce, arguta, intelligente e forte, sa bene cosa fa e la sua famiglia dovrebbe darle un po' più di credito, soprattutto riguardo il Capitano Blamey.


Infine abbiamo il Reverendo William Alfred, cugino di Ross, Verity e Francis, che appare molto spesso a cena a Trenwith e che viene considerato la coscienza della famiglia, in virtù della carica ricoperta. Però, diciamoci la verità, credo che a tutti noi importi poco di lui.. (mi dispiace XD).


Come avete potuto vedere, la famiglia Poldark è formata da personaggi molto eterogenei, alcuni sono facili da amare, su altri pongo la mia riserva sperando di ricredermi in futuro, perchè di una cosa sono certa: una famiglia come i Poldark non può altro che riservarci grandi storie!


E ora veniamo al giveaway!

La Sonzogno è stata così gentile da mettere in palio una copia di "Demelza", in uscita domani, che un fortunato lettore potrà aggiudicarsi. 

Per partecipare dovete seguire queste semplicissime regole:

- Mettere la propria email SOLO nel form così che verrete contattati in caso di vincita.
- Essere follower dei cinque blog partecipanti
- Commentare le tappe del tour con frasi che abbiano senso dicendoci magari la vostra opinione sugli argomenti.
- Seguire la pagina FB e Twitter di Sonzogno 
- Facoltativo: Condividere l'iniziativa nei vostri social

Il Giveaway inizia il 27 gennaio e finisce il 2 Febbraio, il giorno dopo sarà estratto il vincitore e contattato.




Per recuperare le tappe precedenti, ecco il bellissimo calendario:




Appuntamento a domani su Bookish Advisor!!!


venerdì 13 gennaio 2017

RECENSIONE: IL PRIGIONIERO DEL CIELO - Carlos Ruiz Zafòn



IL PRIGIONIERO DEL CIELO
Carlos Ruiz Zafòn


Editore: Mondadori
Pagine: 352
Prezzo: 12,00 €

Trama: nel dicembre del 1957 un lungo inverno di cenere e ombra avvolge Barcellona e i suoi vicoli oscuri. La città sta ancora cercando di uscire dalla miseria del dopoguerra, e solo per i bambini, e per coloro che hanno imparato a dimenticare, il Natale conserva intatta la sua atmosfera magica, carica di speranza. Daniel Sempere - il memorabile protagonista di "L'ombra del vento" è ormai un uomo sposato e dirige la libreria di famiglia assieme al padre e al fedele Fermín con cui ha stretto una solida amicizia. Una mattina, entra in libreria uno sconosciuto, un uomo torvo, zoppo e privo di una mano, che compra un'edizione di pregio di "Il conte di Montecristo" pagandola il triplo del suo valore, ma restituendola immediatamente a Daniel perché la consegni, con una dedica inquietante, a Fermín. Si aprono così le porte del passato e antichi fantasmi tornano a sconvolgere il presente attraverso i ricordi di Fermín. Per conoscere una dolorosa verità che finora gli è stata tenuta nascosta, Daniel deve addentrarsi in un'epoca maledetta, nelle viscere delle prigioni del Montjuic, e scoprire quale patto subdolo legava David Martín - il narratore di "Il gioco dell'angelo" - al suo carceriere, Mauricio Valls, un uomo infido che incarna il peggio del regime franchista...


La mia opinione: eccoci arrivati al terzo libro di questa saga, il penultimo!
A dirla tutta, non so se sono pronta a dire addio a questi personaggi, ormai mi ci sono talmente affezionata che sarà tragico arrivare all'ultima pagina del prossimo volume. Ah, Zafon ha proprio conquistato il mio cuore!

Bando alle ciance e veniamo all'oggetto di questa recensione, "Il Prigioniero del Cielo".

Credetemi se tutto mi aspettavo tranne quello che poi ho trovato tra le pagine di questo romanzo: com'è mia abitudine, non ho letto la trama tanto sapevo già sarebbe stata totalmente evasiva e poi devo ammettere che iniziare a leggere un libro senza sapere minimamente ciò che mi aspetta è emozionante.

Sapevo, perchè me lo aveva detto Chiara, che uno dei libri era incentrato su Fermìn e ho finalmente avuto il piacere di conoscere tutta la sua storia.

Ne "Il Prigioniero del Cielo", Zafòn solleva finalmente il drappo che fino a quel momento era adagiato sul passato di Fermìn: sapevamo che faceva parte dei servizi segreti, sapevamo che aveva trascorso un periodo in cella e che era passato sotto le temibili mani di Fumero. Sapevamo che aveva sofferto incredibilmente, ma venire a conoscenza, pagina dopo pagina, della sua storia è stato senza dubbio appagante.

Fermìn è sempre stato un personaggio dalle mille risorse e talenti, che nascondeva tutto il suo passato dietro l'ironia e sono certa che abbia affascinato anche voi.
Zafòn ha saputo, con questo romanzo, unire passato e presente, portando avanti due storie contemporaneamente. Devo ammettere che ho trovato questo libro un po' sottotono rispetto ai precedenti, tuttavia trovo che rappresenti un ponte che congiunge "L'Ombra del Vento" e "Il Gioco dell'Angelo".

Credevo che quelle storie fossero ormai concluse, che non avessero più nulla da raccontare, invece sono stata smentita. Ho visto intrecciarsi i fili di tutte le storie finora narrate, ho accolto con gioia il ritorno di vecchi personaggi, ma sono anche stata investita dalla rabbia per un particolare che adesso cambierà per sempre il corso degli eventi.

L'autore ha preso tra le proprie mani le storie dei due libri precedenti, le ha unite ed è riuscito ancora una volta a sorprendermi, aggiungendo dettagli e aneddoti che fanno da apripista alla grande storia finale che sarà raccontata ne "Il Labirinto degli Spiriti".

Sebbene sia un romanzo che non raggiunge il livello dei precedenti, "Il Prigioniero del Cielo" è un capitolo di passaggio del quale non si può negare l'importanza a livello narrativo e che reputo indispensabile per avviarci ora verso la conclusione di questa grande storia.




Il mio voto:





sabato 7 gennaio 2017

PROSSIMAMENTE: JONAS E VIRIDIANA. IL CUORE D'INVERNO - Francesca Cani

Quando trovo un'autrice che scrive romance storici ricchi di Storia e con personaggi indimenticabili, be' state pur certi che difficilmente mi lascerò scappare tutti i suoi libri!
Aspettavo questo nuovo libro di Francesca fin dal momento in cui ho terminato la lettura di "Tristan e Doralice" e non vedo l'ora di leggere la storia di Jonas e Viridiana!
Lui è un personaggio che già nel precedente libro aveva conquistato il mio cuore, perciò sono curiosa di vedere cosa succederà quando incontrerà un personaggio come Viridiana che immagino gli darà filo da torcere.
Se amate le storie d'amore ambientate in epoche passate, ma non volete rinunciare all'accuratezza storica, i libri di Francesca Cani fanno proprio al caso vostro, trasudano studio e ricerca da ogni pagina!
Potremo leggere questa nuova storia già dal 12 gennaio in ebook, mentre per il cartaceo dovremo aspettare il 26 gennaio.



JONAS E VIRIDIANA. IL CUORE D'INVERNO
Francesca Cani


Editore: Leggereditore
Pagine:
Prezzo:
Data di uscita: 12 gennaio (26 gennaio per il cartaceo)


Anno Domini 1095. Cresciuta all’estremo nord del Sacro Romano Impero, Viridiana è abituata a viaggiare ed esercitare l’arte della guarigione. Fino a quando re Jonas dei Naconidi irrompe nel suo villaggio e la reclama come ostaggio in cambio della pace, ammaliato dalla chioma di fuoco e dallo spirito fiero che la contraddistinguono. Perché proprio a lei è toccato in sorte un simile sacrificio? Jonas è un sovrano arrogante e un guerriero spietato. Non c’è limite alla sua forza, né al suo desiderio di proteggere il figlio Andreas, unico vincolo con il suo perduto amore. Il suo cuore è in silenzio, non sa più amare né provare tenerezza. Eppure, vicino a Viridiana, si sente più vivo che mai. Ma non c’è pace nelle terre di confine, e quando il piccolo Andreas viene rapito dai predoni turchi insieme alla sorella di Viridiana, i due seguiranno la via percorsa da Goffredo di Buglione e dai crociati verso l’Oriente. Il mondo sta cambiando, l’esercito di Dio è partito alla conquista di Gerusalemme e due nemici scopriranno che l’amore più grande divampa dal fuoco di un odio cocente.



lunedì 2 gennaio 2017

LE MIGLIORI LETTURE DEL 2016

Si sa, quando un anno finisce e ne inizia uno nuovo, è sempre divertente fare dei bilanci.

Per il mio blog ho quindi deciso di stilare una lista con le letture che più mi hanno colpita durante il 2016 e ho deciso di dividerle per genere (grazie Goodreads per l'aiuto), una sorta di Award!

Tenete a portata di mano le vostre wishlist perchè ho da proporvi proprio dei bei libri, alcuni in italiano, altri in inglese.



A Court of Mist and Fury (A Court of Thorns and Roses, #2)
YOUNG ADULT FANTASY


Per questa categoria non potevo che scegliere lui, "A Court of Mist and Fury", un libro attesissimo che ha spaccato i lettori: da una parte chi lo ha amato follemente, dall'altra chi lo ha odiato dalla prima all'ultima pagina.

Ovviamente io rientro tra i primi e per conoscerne i motivi vi rimando alla mia recensione QUI, tuttavia non posso non ripetervi quanto questo libro sia d'impatto, dai contenuti forti e con dei personaggi memorabili!
Sarah J. Maas continua a far battere il mio cuore.





I'll Meet You There
YOUNG ADULT FICTION


Mi sono imbattuta in questo romanzo quasi per caso e la trama mi ha per qualche motivo stregata, tanto da convincermi subito che dovevo immediatamente comprarlo!
Ho amato particolarmente le storie dei due protagonisti, entrambi alla ricerca di una via di fuga ma che si ritrovano a dover stringere i denti e combattere giorno dopo giorno.
Skylar è costretta a rinunciare al proprio sogno dopo che la mamma perde il lavoro, mentre Josh torna dall'Afghanistan con una gamba amputata e una sindrome da stress post traumatico che gli renderanno molto difficile riadattarsi alla vita della sua piccola città.
Accompagnare i personaggi attraverso i capitoli e vederli maturare e aiutarsi a vicenda è stato stupendo e spero vivamente che qualche editore lo pubblichi in Italia!



Banda di fratelli
STORIA


Bene, eccoci arrivati al libro che occupa la prima posizione nella mia classifica delle letture del 2016!
Ho scoperto la serie tv "Band of Brothers" per caso, mentre scorrevo la home di facebook e da lì è stato l'inizio della fine.
La migliore docu-serie che io abbia mai visto non poteva non spingermi a cercare l'omonimo libro, ed è stata la decisione migliore che io abbia mai preso!
Basato sulle testimonianze dei ragazzi della Easy Company, il libro di Stephen E. Ambrose riesce, attraverso le parole dei protagonisti, a far entrare il lettore ancora più in contatto con quegli uomini che quello straordinario giorno del 1944 l'hanno vissuto.
Se siete appassionati di storia contemporanea, non potete lasciarvi scappare nè il libro nè la docu-serie! 

Sono tentata di riguardare Bastogne, sappiatelo! 

P.s. se avete amato libro e serie, fatevi avanti!




La quinta onda (La quinta onda, #1)
DISTOPIA


Ero fermamente convinta che ormai nessun romanzo distopico potesse sorprendermi, invece "La Quinta  Onda" mi ha travolta! (sì, è un tentativo di fare un gioco di parole 😂 )
Sapete ormai che ogni tanto vado a pescare dei romanzi che tutti hanno amato e dei quali si è parlato a lungo, mentre io li ignoravo bellamente. Il fatto è che quando un romanzo viene così tanto acclamato o è veramente stupendo oppure è una ciofeca.
Ovviamente il libro di Rick Yancey non mi ha affatto delusa, anzi mi ha colta di sorpresa riuscendo a tenermi incollata alle pagine!
Un'invasione aliena, improvvise catastrofi, lotta per la sopravvivenza, un'eroina con tanto carattere rendono questo un libro che dovete assolutamente leggere!



L'ombra del ventoMISTERY



Ecco un altro caso in cui la mia testa dura mi ha tenuta alla larga da un autore che ho scoperto amare!
Grazie alla collaborazione con la Mondadori, sto partecipando all'iniziativa Rileggiamo Zafòn e sto scoprendo uno dopo l'altro i romanzi della saga de Il Cimitero dei Libri Dimenticati.
Questo primo libro mi ha introdotta al mix irresistibile di mistero, azione, avventura che contraddistingue i libri dello scrittore spagnolo e che riesce a tenermi con il naso incollato alle pagine.
Poichè il primo amore non si scorda mai, per questo post ho scelto "L'Ombra del Vento" perchè porterò sempre nel cuore il tormentato Julian Carax e l'ingenuo ma coraggioso David Sempere.



BiancospinoROMANCE




Nel mio post non poteva mancare un gran bel romance, questo volta scritto da una bravissima autrice italiana, Linda Kent!
"Biancospino" è un romance storico ambientato durante la Guerra delle Due Rose  e non manca assolutamente di azione, intrighi e una giusta dose di amore. I personaggi sono difficili da dimenticare ed è stato senza dubbio una bella esperienza leggere la loro storia.

In primavera Linda tornerà con un sequel su un personaggio che mi ha affascinata molto, ma se volete scoprire di chi si tratta sarete costretti a leggere il libro!




Illuminae (The Illuminae Files, #1)FANTASCIENZA



Concludiamo il post con il romanzo più originale del 2016!
Ho da pochissimo pubblicato la recensione, quindi non posso che rinviarvi al post, ma ci tengo a ribadire quanto "Illuminae" sia particolare nella forma: una raccolta di documenti, chat, report che guidano il lettore attraverso le vicende che travolgono Kady e la costringono a fare uso di tutte le sue abilità per salvare la situazione.
Tanta azione, un pizzico di amore, una buona dose di ironia e un finale sorprendente!




Anche quest'anno il bilancio delle letture volge al termine.
Spero di aver incrementato i libri della vostra wishlist e di avervi fatto scoprire tanti bei romanzi!









sabato 31 dicembre 2016

RECENSIONE: ILLUMINAE - Amy Kaufman e Jay Kristoff


ILLUMINAE
Amy Kaufman e Jay Kristoff



Editore: Mondadori
Pagine: 599
Prezzo: 22,00 €

Trama: questa mattina Kady pensava che rompere con Ezra sarebbe stata la cosa più difficile da affrontare oggi. Questo pomeriggio il suo pianeta è stato invaso. 


Anno 2575, due megacorporation si fanno la guerra per Kerenza, un pianeta che è poco più di un granello di sabbia coperto di ghiaccio e sperduto nell'universo. Purtroppo nessuno ha pensato di avvertire gli abitanti di quel pianeta dell'imminente attacco. Bersagliati dal fuoco nemico, i due neo ex, Kady ed Ezra, trovano riparo su due astronavi che si stanno occupando dell'evacuazione. 



Ma l'invasione di Kerenza non è che l'inizio...


La mia opinione: lettori e lettrici dell'Antro, vi presento il libro più originale di questo 2016!
Questo mio giudizio non è tanto indotto dalla trama, ma dalla struttura del romanzo e dal modo utilizzato dagli autori per raccontarci la storia di Ezra e Kady.

Sembrava un giorno qualunque, reso diverso solo dal litigio tra i due ragazzi, e invece è destinato a cambiare per sempre le vite di tutti gli abitanti di Kerenza, un piccolo pianeta colonizzato dalla terra.

L'improvviso attacco da parte della società Bei-Tech costringe tutti a cercare un rifugio e, se possibile scappare sulle astronavi Alexander, Hypatia e Copernicus. 


Ma questo non è che l'inizio della storia e ben presto Kady inizia a capire che dei segreti pericolosi sono sepolti a fondo, perciò la ragazza inizia a sfruttare le sue abilità informatiche per cercare di portarli a galla e capire cosa stia realmente accadendo.

Man mano che Kady, con l'aiuto di Byron, inizia a mettere insieme i pezzi, le cose non fanno che complicarsi sempre più: tra virus letali, intelligenze artificiali che cercano di uccidere gli umani e una lotta contro il tempo, la nostra protagonista scopre fino a che punto è pronta a spingere e quanto sia disposta a sacrificare per un bene più grande.

La trama di questo romanzo non è eccezionalmente sorprendente, anche se verso il finale non mancano i colpi di scena grandiosi, ma è senza dubbio godibile ed interessante, riesce a stuzzicare la curiosità del lettore al punto giusto.


Quella che è la vera sorpresa, e la caratteristica che rende questo romanzo così particolare, è la struttura del libro.

I due autori non scelgono una classica narrazione, bensì utilizzano documenti, report, trascrizioni di conversazioni e di file visivi, chat per raccontarci la loro storia.

Inizialmente ero molto, molto scettica e non capivo come da tutto ciò potesse venirne fuori un libro, invece leggendo "Illuminae" mi sono resa conto che, sebbene se tramite una forma diversa, il mio cervello stava recependo tutte le informazioni ed elaborandole proprio come con un libro classico!

Jay Kristoff ed Amy Kaufman scelgono un mezzo diverso, ma il risultato è lo stesso e la loro abilità è sorprendente!

Ho apprezzato tanto anche la loro scelta di utilizzare diversi punti di vista, tra i quali quello dell'intelligenza artificiale, AIDAN, dell'Alexander. 
Sono riusciti in questo modo a farci vivere la storia attraverso così tante prospettive diverse da darci la maggiore completezza possibile. 
Uno sguardo a 360° sugli avvenimenti che, tra un documento e l'altro, ci guidano verso un finale senza dubbio inatteso e sorprendente!

Se siete alla ricerca di un romanzo sci-fi molto particolare, allora "Illuminae" fa proprio al caso vostro!


Il mio voto: