venerdì 11 dicembre 2015

Recensione: Non sono io, sei tu - Mhairi McFarlane

Non sono io, sei tu 

Mahiri McFarlane




EditoreHarlequin Mondadori
Pagine: 517
Prezzo: 14,90



Delia Moss non è ben sicura di sapere dove ha sbagliato. Quando ha chiesto al suo fidanzato Paul di sposarla e ha scoperto che lui andava a letto con un’altra, ha pensato che fosse colpa sua. Quando ha realizzato che la vita non sarebbe più stata la stessa, ha pensato che fosse colpa sua. Ma quando Paul si rifà vivo come se niente fosse accaduto, Delia inizia a pensare: “Forse non sono io il problema. Forse il problema sei tu.” Da Newcastle a Londra e ritorno, tra lavori loschi, capi eccentrici e giornalisti belli ma noiosi, Delia deve scoprire cosa ne è stato della sua vita e che fare del suo futuro. 





La mia opinione: mi rendo conto di non scrivere e pubblicare qualcosa sul blog da più di un mese ormai, ma se avete seguito la pagina Facebook ne conoscete anche il motivo. Per fortuna, però, in questo periodo sono riuscita a leggere qualcosa e devo dire che ho avuto la fortuna di scegliere proprio delle belle letture, delle quali vi parlerò nelle prossime settimane.

Questo libro mi è stato spedito dalla casa editrice, che ringrazio. L'autrice non la conoscevo, anche se Giorgia mi aveva straconsigliato un altro suo libro pubblicato in Italia e che prima o poi dovrò acquistare, soprattutto perchè il primo impatto è stato più che positivo. 
"Non sono io, sei tu" prometteva tante cose, tra cui far ridere il lettore cosa della quale avevo decisamente bisogno, e posso dire che tutte le mie aspettative sono state soddisfatte.

Delia è una ragazza forse un po' sopra le righe, con la risposta sempre pronta e pungente e con una visione del mondo molto particolare, che cerca sempre di soddisfare chi le sta di fronte, soprattutto il fidanzato Paul.
Convinta che la loro storia, ormai cominciata dieci anni prima, sia pronta per raggiungere lo step successivo, gli chiede di sposarla. Perchè no? Di solito la grande proposta viene fatta dall'uomo ma, hey, questi sono tempi moderni e le donne possono prendere l'iniziativa se vogliono!
Peccato che la proposta di matrimonio sarà la scintilla che porterà alla luce molti problemi, tra cui il tradimento...


Ferita e delusa, Delia non è ancora pronta per mollare quella vita fatta di certezze, ma capisce che per comprendere se stessa al meglio dovrà fare un salto nel vuoto e partire. Destinazione: Londra!

Si cambia vita e lavoro, ma le avventure non potranno di certo mancare, ed è così che si ritrova a lavorare per una misteriosa e forse losca agenzia e ad essere minacciata da un giornalista tanto bello quanto pericoloso!

Tra i tentativi di Paul per convincerla a tornare insieme e le novità della grande città, Delia dovrà imparare a destreggiarsi in tante situazioni diverse, proprio come la Volpe, l'eroina nata dalla sua matita...

Questo romanzo mi è piaciuto tantissimo, è riuscito a farmi arrabbiare ogni qualvolta Delia ricadeva nella "trappola" di Paul, ma mi ha fatta ridere e divertire tantissimo! Ho adorato la personalità della protagonista, così  frizzante e capace di usare il sarcasmo in maniera eccellente, sempre attenta ai bisogni degli altri ma  incapace di riconoscere i propri.

Dalla prima fino all'ultima pagina, Delia è cambiata un po' alla volta, riuscendo a risolvere i propri problemi e prendendo finalmente una decisione!
Le situazioni nelle quali si ritrova coinvolta a volte sono al limite dell'inverosimile, ma è stato bello poterle vivere attraverso la carta e l'inchiostro.
La cosa ancora più bella è che nel romanzo viene dato spazio a tutti i personaggi, dandoci modo di conoscerli e farci un'opinione nostra, decidendo se amarli o odiarli.

Cinquecentodiciassette pagine sono volate via in un soffio, grazie allo stile così scorrevole e accattivante dell'autrice che non fa mancare un pizzico di azione nel corso della narrazione, tanto che mi sono ritrovata a leggere le ultime pagine senza che me ne accorgessi e facendomi desiderare di avere ancora qualche capitolo a disposizione.

Il titolo racchiude tutto il senso del romanzo, perchè in una relazione (di qualsiasi tipo essa sia) quando le cose non vanno bene non è sempre detto che la colpa sia nostra e dovremmo imparare ad avere più fiducia in noi e ad apprezzarci!



Il mio voto:











4 commenti:

  1. Non conoscevo questo libro e non è il mio genere, ma la tua recensione mi ha incuriosita. Magari gli darò una possibilità, sperando riesca a far divertire anche me ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero riesca a conquistare anche te!!!! :D

      Elimina
  2. Se ti è piaciuto questo per lo stile allora amerai Dal primo istante, ne sono convinta. Non vedo l'ora di leggere questo io invece *_*

    RispondiElimina