domenica 22 settembre 2013

Recensione: Volevo solo una vita tranquilla - Anna Talò

Volevo solo una vita tranquilla

Anna Talò


Editore: Corbaccio
Pagine: 172
Prezzo: 14,90


Trama: Teresa scrive manuali di auto­aiuto, in cui consiglia alle lettrici di andare fiduciose incontro al domani. Un insegnamento che proprio lei si guarda bene dal seguire: vive quotidianamente reclusa in casa, frequenta solo lo zio e pochissime amiche storiche, e respinge da anni un vicino aitante e sciupafemmine che la corteggia. Per sfuggire alla noia apre un blog di piccola posta, sotto falso nome, sul quale si scatena con risposte ciniche e spietate. E proprio il suo stile corrosivo stuzzica uno stalker che interviene sul blog con commenti inquietanti ma che inizialmente nessuno prende sul serio. Finché non è troppo tardi...


La mia opinione: se avete intenzione di leggere questo romanzo, sappiate che dovrete prepararvi a ridere anche nei momenti meno oppurtuni. Magari i vostri parenti vi guarderanno come se foste pazze, tuttavia vi giuro che non ridere è impossibile!
Volete qualche esempio?


Cara Lucilla, mi sono innamorata di mio cognato e lui di me e ora sono combattuta: vivere questo sentimento o essere leale con mia sorella?

Spero che tua sorella sia leale con se stessa e vi riempia di mazzate.



Cara Lucilla, io sono del Capricorno e lui è Ariete. Ho consultato diversi libri di astrologia e tutti dicono che non si tratta di una gran accoppiata. Quindi ho deciso di chiudere, anche se fra noi ora va bene, perchè certamente in futuro verrò delusa. Che ne dici?

Che sei scema.



Cara Lucilla, vorrei farmi ammanettare.

Spaccia crack per un po'. Vedrai che prima o poi ti arrestano, così ti levi la voglia.



Insomma, questo era un piccolo assaggio, ma per il resto vi consiglio di leggere il romanzo.

La storia di Lucilla, pseudonimo di Teresa, scrittrice di manuali di auto-aiuto, non sarà certo il best-seller dell'anno però ha quel qualcosa che, una volta terminata l'ultima pagina, riesce a farti sorridere per un bel po'.

I guai per la nostra protagonista cominciano quando un misterioso commentato, Vendicatore del Testosterone, comincia a prenderla di mira e a minacciarla sul suo blog. In più, sembra che si trovi più vicino di quanto Teresa non avrebbe mai immaginato: sulle vetrine dei negozi del suo paesino, cominciano ad appari le iniziali VT scritte con lo spary rosso!

Aiutata dallo zio magistrato, Teresa comincia ad investigare per cercare di capire chi possa essere il misterioso molestatore, il quale è riuscito a smascherarla e a far conoscere la sua identità a tutte le sue lettrici.

E se fosse Pierluigi, il vicino tutto muscoli che da anni viene rifiutato da lei? Se il pericolo fosse sempre stato in agguato così vicino e lei non se ne fosse accorta?
Improbabile, ma non da escludere.

Con l'evolversi della storia e del mistero del VT, conosciamo meglio anche la protagonista: una donna che dopo tante delusioni ha deciso di isolarsi, così da non rimanere più ferita, forte nella sua fragilità che risale addirittura alla sua infanzia. Quella che gli altri vedono come una snob ormai non più tanto giovane, è in realtà una persona che si è costruita una vita tranquilla e sicura, destinata però a non esserlo più.

La trama in sé per sé non è niente di così originale e sconvolgente, vero, tuttavia l'autrice ha mostrato tutta la sua bravura nel renderla intrigante, arricchendola con personaggi dalle personalità interessanti e condendo il tutto con una sana dose d'ironia accompagnata un pizzico di cinicità!

Consigliato? Certo che si! Inoltre ci tengo ad informarvi che il blog di Lucilla esiste per davvero, cliccate QUI!



Il mio voto:











venerdì 20 settembre 2013

Prossimamente: Vecchi amici e nuovi amori: immaginario seguito dei romanzi di Jane Austen - Sybil Grace Brinton

Janeites, a rapporto!

L'anteprima di oggi vi renderà entusiaste, ci scommetto... la mia libreria! 

In Italia prendono sempre più piede i sequel dei grandi classici, soprattutto delle storie d'amore che da secoli fanno sospirare e sognare le donne di tutto il mondo.
La Jo March Agenzia Letteraria porta il 26 settembre nelle librerie italiane il primo sequel dei romanzi Austeniani, "Vecchi amici e nuovi amori: immaginario seguito dei romanzi di Jane Austen", una pubblicazione che qualsiasi appassionata di Jane Austen che meriti questo nome non si lascerà scappare!
Come sempre la Jo March continua a stupirci piacevolmente!




Vecchi amici e nuovi amori: immaginario seguito dei romanzi di Jane Austen

Sybil Grace Brinton



Editore: Jo March Agenzia Letteraria
Pagine: 352
Prezzo: 14,00
Data di uscita: 26 settembre

Esattamente un secolo fa, lo stesso sentimento deve aver tormentato Sybil Grace Brinton, spingendola, inconsapevole di dare inizio a un genere letterario fortunatissimo, a scrivere Vecchi amici e nuovi amori, il primo sequel austeniano di cui si abbia notizia, pubblicato proprio nel 1913 dall’editore londinese Holden & Hardingham.
Un gioco letterario che tenta di portare tutti in una volta sulla scena i personaggi principali dei romanzi canonici della “cara zia Jane” e «di tenere le fila della vicenda, mettendoli in relazione tra loro con un andamento narrativo che non fa mai pensare a forzature, ma conduce con naturalezza a far diventare James Morland (L’abbazia di Northanger) rettore della parrocchia dove abitano i Bingley (Orgoglio e pregiudizio) e a far apparire Edward Ferrars e la moglie Elinor (Ragione e sentimento) nella vicina Pemberley con lo stesso incarico, o a far incontrare William Price (Mansfield Park) con i Knightley (Emma) a Londra, per poi passare dai suoi amici Wentworth (Persuasione) a Winchester.
Ci ritroviamo così in una sorta di famiglia allargata, molto simile, per inciso, a quella reale di Jane Austen, dove i rapporti di parentela si uniscono a quelli riguardanti amici e conoscenti, in una ragnatela di relazioni che porta a compimento molti dei destini, in particolare matrimoniali, lasciati in sospeso nei romanzi austeniani


giovedì 19 settembre 2013

Recensione: The Elite - Kiera Cass

The Elite

Kiera Cass


http://darkfaerietales.com/wp-content/uploads/The-Elite.jpgEditore: Harper Collins
Pagine: 323
Prezzo: 8,65

Trama: sei ragazze, un premio che cambia la vita...
America Singer lascerà la sua vita per un mondo dotato di fascino e lusso, se vincerà...
Ma passare la Selezione è difficile. Le rivali stanno combattendo per diventare la moglie del principe Maxon mentre la minaccia della violenza dei ribelli appena fuori dalle mura del palazzo si trasforma in guerra.
Sono rimaste solo sei ragazze e le amicizie giurate sono messe a dura prova. I sentimenti di America per Maxon diventano più intensi, ma sospetta che ci siano oscuri misteri nel suo passato da reale. Con il suo ex innamorato Aspen che l'aspetta nell'ombra, in chi è riposta veramente la sua fedeltà?


La mia opinione: alla fine del primo romanzo di questa trilogia, ovvero "The Selection", il mio commento era stato "carino, mi aspettavo molto di peggio". Quando ho iniziato "The Elite" speravo che l'autrice rimanesse sullo stesso livello, 3-4 stelline, ahimè non è stato così.

All'inizo del romanzo la selezione di ragazze si è ormai ridotta notevolmente e le restanti formano l'Elite, continuando a concorrere l'una contro l'altra per la corona di principessa e il cuore del principe Maxon.

La nostra America è ancora tormentata dall'indecisione tra il principe dall'animo gentile e il soldato, da tempo suo grande amore, dallo spirito ribelle e focoso.
Sostanzialmente tutto il romanzo si fonda sul tira e molla, sui dubbi di America e i suoi continui ripensamenti. Se inizialmente può risultare indifferente, con lo scorrere dei capitoli la cosa non fa che irritare notevolmente il lettore.

Quando pensa finalmente di aver capito chi scegliere, ecco che il dubbio s'insinua nella sua mente e America rimette tutto in gioco. I suoi atteggiamenti sono spesso infantili e irritanti, cosa che ti spinge a voler lanciare il libro fuori dalla finestra più volte.

Non fa che chiedere tempo a Maxon, che di tempo gliene ha dato fin troppo per i miei gusti, e nel frattempo indaga sul misterioso passato di Illea, un passato che è stato celato perfettamente, ma solo se non si sa dove cercare.
Maxon ha infatti mostrato ad America una stanza segreta piena di antichi libri nei quali è racchiusa la storia del loro regno e le permette di prendere il diario del sovrano che ha dato origine al sistema delle Caste.

Nel frattempo, gli attecchi dei ribelli cominciano a diventare sempre più frequenti e ravvicinati, seminando panico a palazzo e mettendo in pericolo le vite dei reali e delle ragazze dell'Elite!

C'è una cosa in particolare che mi ha fatta arrabbiare: qualsiasi spunto che avrebbe potuto  portare una svolta alla narrazione, introdurre nuovi scenari e colpi di scena viene puntualmente soffocato. Ho perso il conto, nel corso della lettura, delle occasioni mancate dall'autrice che si mette d'impegno per scadere nel banale!

L'unico motivo per il quale leggere questo romanzo è Maxon, personaggio degno di nota e dalla personalità sfaccettata, capace di celare agli occhi di chi lo circonda qualcosa di terribile e sconvolgente, restando sempre e comunque gentile, comprensivo e premuroso. Se fosse una persona reale mi dispiacerebbe per lui, innamorato di una persona che non lo merita e che di punto in bianco decide che ha capito cosa vuole dalla vita.

Per non parlare di Aspen, un ragazzo a dir poco irritante e che definirei "guerrafondaio": fa di tutto pur d'immettere in America il seme del dubbio e dell'incertezza, facendole dubitare anche dell'unica persona che in realtà è sincera con lei.

Insomma, gli aspetti positivi di questo libro sono pochissimi e per fortuna sembra migliorare verso verso il finale. Delusione? Tanta. Non mi resta che aspettare il prossimo volume, sperando che non sia come questo.



Il mio voto: https://lh4.googleusercontent.com/7d-v2OZqMG6gifeJsQKbJ0gLyKi9bYUhaVV3eBitkKY=w149-h37-p-no









mercoledì 18 settembre 2013

Recensione: Of Poseidon - Anne Banks

 Of Poseidon

Anne Banks


http://d202m5krfqbpi5.cloudfront.net/books/1327879889l/12425532.jpgEditore: Square Fish
Pagine: 380
Prezzo: 7,16

Trama: il giorno in cui Emma incontra Galen sulla spiaggia, è il giorno in cui la sua vita cambia per sempre. Galen è il principe delle Syrena inviato per trovare una ragazza che ha sentito sia capace di comunicare con i pesci. Quando Emma s'imbatte in lui - letteralmente, ouch! - la loro connessione è immediata e potente. E' possibile che sia lei la ragazza? Dopo diversi incontri, Galen è convinto che sia Emma. Ma come può convincerla del suo dono? E come può far sì che i suoi sentimenti per lei spariscano? E' la chiave per il suo regno, non può essere la chiave per il suo cuore.

(La trama è stata tradotta da me, non prelevare senza citare la fonte!)



La mia opinione: sembra essere finalmente giunto il momento di scrivere questa recensione, evviva! Dico questo perchè voglio assolutamente parlarvene e fin'ora non ero riuscita a trovare né il tempo né l'ispirazione per farlo.

Prima di parlarvi del libro in sé per sé, è necessario introdurvi le creature protagoniste di questa trilogia: le Syrena sono creature marine bellissime, dotate di forza sovrumana e di occhi viola. Niente a che vedere con la sirenetta disneyana, questo è sicuro! 
Il loro regno sottomarino è governato dalla stirpe di Tritone di cui fa parte il principe Galen, spesso a contatto con gli umani a causa del suo ruolo di "ambasciatore" sulla terra ferma. Proprio durante uno di questi periodi, Galen s'imbatte in Emma, una ragazza qualunque se non fosse per quegli occhi così particolari: viola. Potrebbe sembrare una Syrena, ma i suoi capelli anzichè corvini sono di un biondo quasi bianco.

Tuttavia in Emma si cela un segreto che verrà svelato solo in seguito ad un tragico incidente: il dono di poter parlare con i pesci e di dargli degli ordini non è di sicuro umano, bensì un dono che si pensava ormai perduto con la stirpe di Poseidone. 

Questo potrebbe cambiare tutto e far sì che venga riforgiata l'alleanza tra i discendenti di Tritone e di Poseidone, purtroppo Emma sembra non riuscire a mutare la propria forma e per quanto ci provi le sue gambe restano sempre lì e di una pinna non se ne vede nemmeno l'ombra!

E' o no l'ultima Syrena della casata di Poseidone? Dare una risposta è più difficile di quanto si possa immaginare e le pressioni che deve subire non fanno che peggiorare la situazione.

Anne Banks è riuscita a collegare in modo assolutamente stupefacente ed impensabile due miti, quello di Tritone e quello di Poseidone, creandone uno nuovo e talmente ben fatto che si potrebbe pensare appartenga sul serio ai miti trasmessici fino ad oggi!

Anche l'intera struttura della trama è ben congeniata e sorprendente, supportata anche da personaggi carismatici e dotati di personalità molto particolari. Nel corso della lettura non si finisce mai di conoscerli, di scavare nel loro passato e nei loro sentimenti, seguendo le vicende che li coinvolgono e che li legano l'un l'altro ponendo le basi per un nuovo romanzo (Of Triton) che dovrà portare avanti e sviluppare una storia diventata, alla fine del libro, ancora più interessante e coinvolgente!

Ho adorato Emma e Galen, da prima conoscenti, poi amici e infine innamorati. Entrambi sono dotati di una certa profondità,  personaggi  quasi reali nella loro caratterizzazione e ai quali è facile affezionarsi. 
Se siete stanchi dei protagonisti che s'innamorano pazzamente a prima vista, che si dichiarano amore eterno dopo due capitoli, be' questo libro fa al caso vostro, vederete che vi piacerà anche da questo punto di vista!
Tuttavia sono degni di nota anche i personaggi secondari, importanti ai fini della storia e interessanti poichè aggiungono quel tocco in più al tutto. Nel prossimo libro ne vedremo sicuramente altri e finalmente conosceremo meglio quelli ai quali  è  stato fin'ora dedicato poco spazio.

Il finale è inaspettato, vederete che tutte le vostre supposizioni saranno completamente sbagliate!!!

Un primo volume, questo "Of Poseidon", che apre meravigliosamente la strada ad una trilogia tutta dedicata alle Syrene e al loro mondo e che non vedo l'ora di poter continuare!




Il mio voto:








domenica 8 settembre 2013

Recensione: La casa sfitta - Charles Dickens, Wilkie Collins, Elizabeth Gaskell, Adelaide Anne Procter


La casa sfitta 

Charles Dickens, Wilkie Collins, Elizabeth Gaskell, Adelaide Anne Procter

 

http://www.jomarch.eu/wp-content/uploads/2012/05/fronte-casa-sfitta-copertina.jpgEditore: Jo March Agenzia Letteraria
Pagine: 144
Prezzo: 12,00 €
Trama: mute testimoni di relazioni umane, le mura di una casa custodiscono nel silenzio i segreti degli uomini che le hanno abitate. Eppure certe case hanno assorbito così profondamente il loro contenuto, che esso si palesa all’esterno in tutto il suo inquietante aspetto.
Nido, o prigione? Quale mistero avvolge la casa sfitta che ossessiona la signora Sophonisba?
Cosa si cela dietro le persiane scorticate e il fango che oscura i vetri dai quali nessuno parrebbe più affacciarsi?
Due investigatori speciali tenteranno di mettere pace nel cuore della loro prediletta: il fedele Trottle e il premuroso Jarber si sfideranno a colpi di manoscritti, di senili e tenere scenate di gelosia, e di coraggiose sortite nella casa. Mettetevi comodi: un regista d’eccezione come Charles Dickens ha scritturato i migliori Autori sulla piazza per svelare, attraverso un intreccio impeccabile e una scrittura potente che lasciano semplicemente senza fiato, l’arcano della perturbante casa sfitta.




La mia opinione: per la terza volta da quando ho aperto questo blog mi ritrovo a recensire un romanzo pubblicato dalla Jo March e posso confermare che questa casa editrice sta continuando a percorrere egregiamente la strada della qualità!

"La casa sfitta" porta la firma di quattro grandi e talentuosi scrittori, chi famoso chi meno (in Italia, si intende!!!), che hanno contribuito alla nascita di questo racconto molto particolare.
La cosa che mi ha colpita maggiormente è che la storia in sé per sé, ovvero il mistero riguardante gli attuali abitanti della casa apperentemente sfitta, occupa poco spazio narrativo: si è scelto, infatti, di sfruttarla per aprire la porta su tre storie ad essa collegata: "Il matrimonio di Manchester", "Ingresso in società" e "Tre sere nella casa".

Ciascuna di queste storie riesce a far intravedere la personalità del proprio autore: la centralità attribuita alla città di Manchester, le tracce autobiografiche, l'attenzione alla caratterizzazione psicologica dei personaggi e l'umorismo sono la firma di Elizabeth Gaskell, il ritatto di un mondo grottesco, filtrato attraverso la lente del paradosso, e la caratterizzazione dialettale appartengono chiaramente a Dickens, la delicatezza con la quale vengono trattati in versi i sentimenti di Bertha, l'intima indagine psicologica, sono frutto infine della penna della Procter.

L'ultima storia, ovvero il contributo di Wilkie Collins, è quella che è più strettamente legata alla cornice narrativa  e ci mostra, senza più alcuna deviazione, le "attuali" vicende che coinvolgono la casa sfitta che tanto ha occupato i pensieri di Sophonisba, anziana signora al centro delle attenzioni di  Trottle e Jarber, improvvisatisi detective per soddisfare la sua curiosità.

Ho trovato questo volume veramente delizioso, una piacevole pausa dalla vita frenetica e devo confessare che mi sono divertita nel corso della lettura ad individuare tutti i tratti caratteristici di ciascun autore!
Dalla collaborazione tra Collins e Dickens è nata una storia accattivante e strutturata in modo insolito, tuttavia trovo che sta proprio in questo la sua bellezza perchè le diverse deviazioni lungo la strada non fanno che arricchire il racconto.

Per concludere, voglio elogiare l'autrice dell'introduzione, Camilla Caporicci, per il magistrale lavoro che svolto: comprendere, prima della storia, i suoi autori e il rapporto che li legava è stato fondamentale ai fini della lettura vera e propria!



Il mio voto:
















giovedì 5 settembre 2013

Prossimamente: Volevo solo una vita tranquilla - Anna Talò

Vi presento ora una delle prossime pubblicazioni che più di tutte mi ha incuriosita!
"Volevo solo una vita tranquilla", la storia di Teresa, un'insegnante che attraverso un blog, e servendosi di uno pseudonimo - Lucilla - dispensa consigli e riscuote subito un gran successo! 
Tuttavia un misterioso stalker riuscirà a portare scompiglio nella sua, fino ad allora, vita tranquilla, costringendo Teresa ad uscire dal proprio guscio.
Tutti gli elementi della trama promettono bene, anzi, benissimo!




Volevo solo una vita tranquilla

Anna Talò


http://2.bp.blogspot.com/-w_LQ3BDmBn8/UfO96hbyJvI/AAAAAAAAFLY/gdM8LLTnhFo/s320/9788863805963_volevo_solo_una_vita_tranquilla.jpgEditore: Corbaccio
Pagine: 192
Prezzo: 14,90
Data di uscita: 12 settembre


Teresa scrive manuali di auto-aiuto, in cui consiglia alle lettrici di andare incontro al domani piene di fiducia e ottimismo. Un insegnamento che proprio lei, però, si guarda bene dal seguire: vive praticamente reclusa in casa, frequenta solo lo zio magistrato e pochissime amiche storiche, e respinge da anni un vicino aitante e sciupafemmine che la corteggia implacabile. Per sfuggire alla noia apre un blog di piccola posta, sotto il falso nome di Lucilla, sul quale si scatena con risposte ciniche e spietate ai problemi di cuore che le vengono sottoposti, riscuotendo grandissimo successo. Proprio il suo stile corrosivo stuzzica il Vendicatore, uno stalker che si dimostrerà davvero pericoloso. Teresa sarà costretta a uscire dal proprio guscio per risolvere l’enigma che le sta rovinando un’esistenza che aveva costruito faticosamente perché fosse la più ordinata possibile; al suo fianco ci saranno lo zio e due inaspettati cavalieri che faranno la loro parte per tirarla fuori dai guai. Lei, che voleva solo una vita tranquilla, si trova a dover fare i conti con una lunga sfilza di imprevisti e di colpi di scena, usando solo l’arma della sua intelligenza e dell’umorismo.

Prossimamente: Incantesimo tra le righe - Samantha van Leer

E' arrivato settembre e con esso finalmente riprendono le attività del blog e delle casa editrici.
I mesi estivi, poveri di novità editoriali, ci hanno dato modo di rimetterci in pari con le letture, perchè si sa che noi lettori compulsivi acquistiamo un libro dopo l'altro senza sapere quando avremo il tempo di leggerlo!
Già da un paio di giorni cominciano ad arrivare sugli scaffali alcune novità, ma siamo solo all'inizio, credetemi!

La prima delle prossime pubblicazioni delle quali voglio parlarvi è "Incantesimo tra le righe"! Ragazze, non fate finta di non aver mai desiderato anche solo parlare con il personaggio di uno dei libri che stavate leggendo, non negate perchè non me la bevo!
Be', penso che questo libro potrebbe piacervi, io non vedo l'ora di saperne di più perchè sono a dir poco incuriosita!!!



Incantesimo tra le righe 

Samantha Van Leer 



http://www.inmondadori.it/img/Incantesimo-tra-le-righe-Samantha-van-Leer/ea978886380635/BL/BL/01/ZOM/?tit=Incantesimo+tra+le+righe&aut=Samantha+van+Leer
Editore: Fanucci
Pagine: 350
Prezzo: 16,40
Data di uscita: 19 settembre

Cosa succede se "...e vissero felici e contenti" non si rivela affatto essere tale? Delilah è una ragazza piuttosto solitaria che preferisce passare i pomeriggi in biblioteca, persa nei libri. In uno in particolare: "Incantesimo fra le righe" che in teoria è un fantasy ma che sembra terribilmente reale, al punto che il principe Oliver, oltre a essere coraggioso, avventuroso e focoso, parla a Delilah. Cioè: le parla sul serio! E salta fuori che Oliver è ben più che un personaggio di carta: è un teenager che si sente intrappolato nella sua vita letteraria e che non sopporta l'idea che il suo destino sia segnato. Oliver è certo che il mondo là fuori possa offrirgli qualcosa di interessante e vede in Delilah la sua chiave di accesso alla libertà. I due si buttano a capofitto nell'impresa di tirare fuori Oliver dal libro, un compito difficile e che li spinge ad approfondire la loro percezione del destino, del mondo e del loro posto nel mondo. Contemporaneamente cresce l'attrazione reciproca, un sentimento forte e tutt'altro che letterario.