martedì 26 marzo 2013

Prossimamente: La storia di una bottega - Amy Levy

Quando la Jo March Agenzia Letteraria fece la sua comparsa nel panorama dell'editoria, eravamo tutti in fibrillazione! Un bella novità perchè, oltre ad andare alla ricerca di narrativa contemporanea, la casa editrice che porta il nome di un'eroina indimenticabile, avrebbe pubblicato narrativa che fa ormai parte del passato, ma che nel nostro paese non era ancora stata pubblicata.
Della collana Atlantide fa già parte "Nord e sud" di Elisabeth Gaskell, al quale il 10 aprile si unirà "La storia di una bottega" di Amy Levy.
La notizia di questa pubblicazione era in giro ormai da mesi, ma solo oggi abbiamo finalmente una data da segnare sul calendario!

Personalmente sono molto entusiasta e non vedo l'ora di poter leggere anche questo nuovo libro!


La storia di una bottega 

Amy Levy


Editore: Jo March Agenzia Letteraria
Pagine: 224
Prezzo: 12,00 €
Data di uscita: 10 aprile

Nella Londra di fine Ottocento, le giovani sorelle Lorimer perdono improvvisamente il padre e finiscono sul lastrico. Rifiutandosi di accettare un destino che le vedrebbe tutte divise tra i vari familiari che si sono offerti di dar loro ospitalità e protezione, intraprendono un percorso più complicato e rischioso, che però permette loro di restare insieme e di sopravvivere con le proprie forze. La preziosa eredità che hanno potuto mettere da parte, infatti, non è una somma di denaro bensì la capacità di esercitare l’arte che hanno imparato dal genitore e che intendono coltivare con passione e volontà tanto da farne un mestiere. Tra lo sgomento dei parenti, le quattro donne scelgono di mettere in vendita la grande casa di famiglia e di trasferirsi nell’affollata e viva Baker Street, nel centro di Londra, dove aprono una bottega di fotografia. 
Non è facile la vita delle giovani fotografe, presto bersagli di commenti maligni dovuti alle oro necessarie frequentazioni con le botteghe d’arte e gli artisti più in voga. Lacerate dai dubbi, sballottate dai colpi della fortuna, eppure appassionate e tenaci, Gertrude, Lucy, Phyllis e Fanny resistono alle privazioni e alla miseria, conquistandosi uno spazio nella società e difendendo con le unghie la propria indipendenza. Una indipendenza ancora per nulla scontata nella tarda età vittoriana, quando la “new woman” è una creatura ancora sperimentale, che deve lottare per ritagliarsi un proprio spazio nel mondo pubblico.
Amy Levy, originale scrittrice e intellettuale inglese, realizza nel 1888 uno splendido ritratto di donne nuove e moderne, utilizzando una metafora assolutamente calzante, quella della tecnica fotografica. La fotografia imprime, con leggi e codici del tutto nuovi, la realtà stravolgendo per sempre l’arte e il concetto di immagine. Nella stessa misura, le quattro protagoniste, dedite alla nuova tecnica, mostrano uno sguardo nuovo nell’osservare il mondo e nel vagliare le sue possibilità, incarnando così proprio la nuova condizione femminile e adoperando il punto di vista della donna, ovvero di chi notoriamente era precluso alla sfera della produzione artistica e dell’elaborazione intellettuale.




Clicca sul banner per leggere una piccola anteprima del 1° capitolo!!!


https://lh6.googleusercontent.com/-gQwoYSV70wE/UWKp1ITpn5I/AAAAAAAAAv4/XxcTTWgUWjM/s268/AMY+LEVY.png





2 commenti:

  1. Che bella notizia!
    Non vedo l'ora di poterlo leggere! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adoro la Jo March perchè ci da l'opportunità di leggere questi gioiellini altrimenti dimenticati! :D

      Elimina