lunedì 20 febbraio 2012

Recensione: La strega e il cavaliere - Laura Fiamenghi

La strega e il cavaliere 
Laura Fiamenghi

Editore: Lulu
Pagine: 236
Prezzo: gratuito (pdf)

Trama: cosa fareste voi se vi scopriste in grado di poter leggere i pensieri altrui? Di avere premonizioni e di poter scagliare maledizioni? Viola decide di rifugiarsi per qualche tempo lontano da tutto e da tutti nella baita di famiglia sperduta tra le montagne. Ha bisogno di quiete e tempo per pensare, ma i suoi poteri, bizzarri e incontrollabili compiono per lei l'irreparabile: tramutano un falco in uomo. Una storia magica e senza tempo, di terre ed epoche perdute... 


La mia opinione: ho trovato questo libro per puro caso, nel corso di una delle mie ricerche di libri, e l'ho lasciato sul mio e-reader per un tempo fin troppo lungo! Finalmente mi sono decisa a leggerlo e ora mi picchierei per essere stata così stupida dal non farlo prima! Ma veniamo alla storia...
Viola, una giovane ragazza, vive da troppo tempo una condizione di disagio: sa di avere dei poteri, ma non riesce a controllarli. Decide così di ritirarsi presso la baita della sua famiglia, alla ricerca di quelle risposte di cui necessita. Passano appena due giorni e già accade qualcosa di stranissimo: ha una visione, un falco nero colpito a morte da alcuni cacciatori. Viola non riesce a capirne il motivo, ma sente di doverlo salvare; quello che non immagina è che quel falco è in realtà un uomo, un cavaliere, che da 700 anni è vittima di una maledizione che lei riesce a spezzare. Ragnor, questo è il suo nome, è ferito e Viola si prende cura di lui guarendolo e sfamandolo. Ancora una volta intervengono i poteri di Viola, infatti la ragazza ha una nuova visione che vede protagonista sua madre, ormai morta da anni, mostrarle il nascondiglio di uno strano specchio. Al risveglio Ragnor e Viola lo recuperano, non sapendo però che questo provocherà un drastico cambiamento: entrambi vengono trasportati nel passato, esattamente 3 giorni dopo la trasformazione e conseguente scomparsa di Ragnor. Il cavaliere fa ritorno al suo feudo, accolto dalla gioia del popolo e dei suoi cavalieri, accampagnato dalla giovane strega giustamente spaesata dall'enorme cambiamento che la sua vita ha subito. Tuttavia Viola non si perde d'animo e presto tutti la ammireranno e la ameranno.
Fin dal primo momento tra Viola e Ragnor è scattato qualcosa che entrambi non riescono ad ignorare, sembra essere amore. Il cavaliere è attraente e forte, si prende cura di Viola con molta premura, ed è chiaro a tutti che la ragazza è di sua esclusiva "proprietà". Il loro sentimento si evolve in modo graduale, trasformandosi in vero amore, un sentimento che riuscirà in seguito a salvarli.
Come in ogni storia che si rispetti fa la sua comparsa il cattivo di turno, o meglio la cattiva: strega Endora, nonna di Viola, è determinata a soggiare la nipote ed il suo potere, cosa che non era riuscita a fare con Elena, la madre di Viola. Entrano in gioco nuovi personaggi, ognuno dei quali ha il proprio ruolo nella storia che ho trovato davvero molto ben strutturara e curata. Non voglio svelarvi altro per non rovinarvi la sorpresa nel caso decideste di leggere questo bel libro, tuttavia voglio spingervi a farlo perchè ne rimarreste davvero sorpresi!!!



4 commenti:

  1. mi pare di capire che lo consiglieresti :)

    RispondiElimina
  2. Sì, sì! Una lettura scorrevole e accattivante!

    RispondiElimina
  3. Mi avevi incuriosito, così l' ho scaricato su i-phone visto che non ho Kindle. Insomma sono a pag. 129 e devo dire che questo piccolo libro è una piacevole sorpresa!
    Quindi grazie della segnalazione!

    RispondiElimina
  4. Ciao Calliope!!! Sono molto felice di esserti stata utile!!! Buona lettura e poi fammi sapere cosa ne pensi!!! Un bacio!

    RispondiElimina